Categorie
fineart photography fotografo landscape News ritratti street photography

ritratti ambientati e scenari

Immagini con un modello/a da rendere “protagonista”/”parte integrante” di uno scenario… (tu chiamali, se vuoi, ritratti ambientati).

o un “cameo alla Hitchcock”…

o come in una scena di un film


Scenari

ovvero, dove si va per lo shooting a far da “modello/a”?

(info su Servizi Fotografici >> tap qui)



Categorie
fineart photography fotografo News

tante belle cose

è un augurio, non una descrizione del contenuto di questo post

Marco DiDomenico
portfolio Fine Art Photography

>> Ritratti Ambientati (tap per aprire il set)

Categorie
fineart photography fotografo News ritratti

shooting fotografico extra-urbano

shooting fotografico, ovvero… riprese con un modello/a da rendere “protagonista”/”parte integrante” di un particolare scenario o un “cameo alla Hitchcock”, o come una scena di un film, (tu chiamali, se vuoi,…

>> Ritratti Ambientati (tap per aprire il set)

ritratti ambientati – locations (old)

Immagini con un modello/a da rendere “protagonista”/”parte integrante” di un particolare scenario…

o un “cameo alla Hitchcock”…

o una scena di un film

(tu chiamali, se vuoi, ritratti ambientati)

(info su Servizi Fotografici >> tap qui)



Categorie
fotografo News street photography

la mia è una fotografia nuda

nuda perchè la mia fotografia non ha veli per coprirsi, tanto meno vesti per farsi bella;

sono io, fotografo, che mi “piego” alla scena e alla sua luce (avendo cura di “inquinarla” il meno possibile), e non viceversa;

e talvolta trovo a dover piegarmi anche a quanto ho tra le mani per la ripresa (le scene spontanee non aspettano nessuno).

Nuda perchè la mia fotografia mostra la realtà di un attimo.

p.s.: “nudiste”… al femminile, coerentemente con fotografia (al plurale fotografie), termine femminile (visti “i tempi”… precisazione necessaria e indispensabile).


bisogna farsene una ragione:
ADDA PASSÀ ‘A NUTTATA!

Si sta né piú né meno che nel mezzo di un’inondazione, si é “tutti fotografi” a fare (ad es. l’ultima definizione, di cui ne sospetto l‘invenzione per vendere telefonini) Smartphone Photography, a sversare milioni e milioni di immagini su socials, e web, di notevole fattura e grande interesse popolare alle quali viene dedicato giusto qualche frazione di secondo. Non resta che rimanere sulla zattera e aspettare… che l’acqua defluisca (‘ché, forse, col cedere alla tentazione di nuotare si assorbono le caratteristiche di ciò che si trova in acqua ).

Ecco, forse, perchè delle fotografie “non gliene frega una minchia a nessuno”;

  • non ai fotoamatori su facebook (a loro interessa solo pubblicare per contare i like e sentirsi dire “sei un’artista”)
  • tantomeno ai professionisti (hanno ben altro a cui pensare)
  • non a chi ti chiede di fargliele (il loro intento, forse inconscio, è sentirsi al centro dell’attenzione, stars durante le riprese; poi delle foto…
    …che foto?);

e semmai una foto appaia,… una sbirciata di qualche millisecondo su uno schermo da due-tre pollici… e via (ma la fotografia non credo sia questa, o perlomeno non è questo il modo idoneo per osservarla).

In ultimo, dare a Cesare ciò ch’è di Cesare: distinguere le Fotografie dalle Immagini Elaborate

faccio Fotografie! facile a dirsi.

>> senti quanto è ruvido qui lo schermo

Categorie
fotografo News

il fotografo basso…

Il fotografo basso di statura é meglio! È poco appariscente e nella street photography si confonde facilmente nella scena; nel realizzare ritratti a figura intera ha, naturalmente, un punto di ripresa maggiormente efficace per il risultato finale. Se, poi, la sua maggior sezione con un piano orizzontale é di una certa consistenza, avrà maggiore stabilità e non correrà il rischio di essere portato via dal vento.

Un fotografo basso di statura é da preferire e non ha controindicazioni


A chi non ha colto l’ironia del post, p.s.: e fattela ‘na risata, é gratís!

>> non poggiare il dito qui

foto arredo – old

arreda le tue pareti con foto quadri; ad esempio…

a casa di Luca – street photography, stampa su tela 160x100cm


altra idea:

citofonare “Beltrami”
stampa su carta comune, da 100x60cm a 160x100cm

foto quadri in mostra, stampe su pvc montate su pannelli


“non parlatemi di fotografia con uno smartphone in mano: ė come il dire di una pietanza assaggiata col naso tappato” (Io)