foto spontanee, ovvero senza messa in posa

Street Photography, fotografia documentale, urban street,… quante classificazioni! Ma il fatto è che non esiste una definizione canonica delle classificazioni sopra riportate; e ogni tanto esce qualcuno che dice la sua, aggiunge una virgola o un apostrofo a quanto già scritto. Poi c’è chi scrive un libro di 300 pagine sulla Street Photography (non l’hoContinua a leggere “foto spontanee, ovvero senza messa in posa”

la bellezza crea attrattività

prenota una installazione, dai una nota di colore alla tua piazza, strada o spazio.   dove si è stato bene…lo si ricorda e ci si torna! tap qui per  l’idea, nel suo genere originale nelle modalità, pronta e a disposizione  

con un quadro alle spalle

io e “l’altro“ Mi scusi…“nn’avè paura! “ Uscendo dalla trattoria con un po’ di sugo rimasto sulle labbra“prego, un ristorante? Ah, vù mó mó sèt’ scìt’,… ma o’ mùss’ t’l’ vuó pulì?”   Puó indicarmi per la casa di Totó?“va dritt’ nù poch ca’ truóv’ nù vich’ a destra… ma nù l’ pensà pruopr’, pigliaContinua a leggere “con un quadro alle spalle”

che figata la fotografia…

…quando ti mostra un fotogramma di un film, lasciando a te la sceneggiatura di ciò che è avvenuto prima e di ciò che avverrà dopo. ——————————————–  le Nuvole, installazione fotografica  ——————————————–  prenota un’esposizione ——————————————– info e contatti

Post ironico

Oggi sono stato in un posto, avendo letto, da qualcuno paragonato a uno stagno infestato da coccodrilli, che avrebbero dovuto azzannarmi non appena avessi intintoci l’alluce. Per precauzione sono uscito di casa vestito da Indiana Jones. via S.Maria Antesaecula 109 – Napoli I coccodrilli non ce li ho trovati(e a dirla tutta… non c’era mancoContinua a leggere “Post ironico”

imitando maldestramente Henri Cartier Bresson

se io fossi stato lì nel 1951 a fare foto, in quella di Henri Cartier Bresson io starei seduto sul gradino della chiesa; se Bresson fosse, invece, stato a Scanno a far la sua Foto nel 2018, io l’avrei ritratto davanti la porta che è su per la scala; ma…  … non ci siamo trovatiContinua a leggere “imitando maldestramente Henri Cartier Bresson”

che spettacolo! a Carovilli

divertente, piacevole, apprezzabile, dolce, commovente Dopo il successo della “prima” a Castiglione di Carovilli, ieri sera è andata in scena la replica dello spettacolo teatrale “Pe le Casarina“, dell’omonima compagnia teatrale appena nata. Un gruppo di persone guidate da Mauro Di Domenico, che forse mai avrebbero pensato di calpestare un palco e a digiuno assolutoContinua a leggere “che spettacolo! a Carovilli”

oggi è stato "nuvoloso" a… Castiglione di Carovilli

Carovilli, agosto 2019 installazione fotografica estemporanea nella piazza del borgo grazie grazie grazie a Alberto per il prezioso supporto nella preparazione e smontaggio dell’installazione, e a Massimiliano per l’aiuto. —————————————————- tap qui per la descrizione/spiegazione dell’esposizione “le Nuvole” e contatti per richieste dell’installazione non una Mostra nei “canonici spazi e modi”

Come si legge una fotografia

Con gli occhi, come sennó? La fotografia è per tutti coloro che la vogliono osservare. Il saper leggere una fotografia è utile all’osservatore per capire perchè una foto “piace”; utile ma non indispensabile. Se si ha tempo e soprattutto voglia di soffermarsi su una foto, la si puó apprezzare, e a volte capirla, anche senzaContinua a leggere “Come si legge una fotografia”

che figata fare mostre!

  ma bisogna stare lì, non tanto per spiegare a chi vuole spiegazioni su quanto realizzato, ma perchè si rimarrà piacevolmente sorpresi da chi, inaspettatamente, si soffermerà a dialogare e talvolta a raccontarsi. Quasi quasi le fotografie passano in second’ordine. E non c’è social o web che tenga il confronto.  ——————————————– 🙂 la bellezza crea attrattività 🙃Continua a leggere “che figata fare mostre!”