Mò m’assett e guard ‘o mare ca s’fa nire

iss par’ dic’re semp ‘a stessa cosa

ma dint ‘a capa i tengh’ na cummedia:

e mò l’omme d’e ttasse, può ‘e bullette

mò chill ca la vò bblu e addumàn’ gialla…

aeeeh, sta ‘rrevann pur’ Gennarin’.

Guard ‘o mare ca s’é fatt nire e m’addummànn…

Mò mi siedo e guardo il mare che si fa nero

lui sembra dire sempre la stessa cosa

ma nella mia testa io ho confusione:

e mò l’uomo delle tasse, poi le bollette

mò quello lí che la vuole blu e domani gialla…

aeeeh, sta arrivando pure Gennarino.

Guardo il mare che s’é fatto nero e mi domando…

immagine e testo: ©MarcoDiDomenicoFotografia

>> non poggiare il dito qui

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Marco DiDomenico Fotografia

Street Photography, Fotografia documentale e Fine Art -📱e WhatsApp: 3482753 024 ✉️: shotnshow@gmail.con