Scinne cu ‘mme
Nfonno o mare a truva’
Chillo ca nun tenimmo acca’
Vieni cu mme
E accumincia a capi’
Comme e’ inutile sta’ a suffri’
Guarda stu mare
Ca ci infonne e paure
Sta cercanne e ce mbara’
Ah comme se fa’
A da’ turmiento all’anema
Ca vo’ vula’
Si tu nun scinne a ffonne
Nun o puo’ sape’
No comme se fa’
Adda piglia’ sultanto
O mare ca ce sta’
Eppoi lassa’ stu core
Sulo in miezz a via
Saglie cu ‘mme
E accumincia a canta’
Insieme e note che l’aria da’
Senza guarda’
Tu continua a vula’
Mientre o viento
Ce porta la’
Addo ce stanno
E parole chiu’ belle
Che te pigliano pe mbara’

Scendi con me

In fondo al mare a trovare

Quello che non abbiamo qui.

Vieni con me

E comincia a capire

Come è inutile stare a soffrire.

Guarda questo mare

Che ci infonde le paure

Sta cercando di insegnarci.

Come si fa

A dare tormento all’anima

Che vuole volare?

Se tu non scendi a fondo

Non puoi saperlo.

No, come si fa

A prendere solo

Il male che c’è

E poi lasciare questo cuore

Solo per la strada?

Sali con me

E comincia a cantare

Insieme alle note che l’aria da.

Senza guardare

Tu continua a volare

Mentre il vento

Ci porta la

Dove ci sono

Le parole più belle

Che ti prendono per insegnarti.


No tags for this post.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Marco DiDomenico Fotografia

Street Photography, Fotografia documentale e Fine Art -📱e WhatsApp: 3482753 024 ✉️: shotnshow@gmail.con